L’Atalanta avrebbe voluto incamerare tre punti prima della sosta per gli impegni della nazionale. Come spesso è capitato in questa stagione, la squadra di Gasperini fa gioco e costruisce occasioni sfruttandone poche. Anche nell’impegno casalingo con la Spal all’iniziale vantaggio, maturato nel primo tempo, segue una ripresa in cui subisce il gol del pareggio e poi si complica la situazione vedendo l’intervento falloso di un proprio giocatore punito pesantemente dal Var. Ergo, l’Atalanta deve accontentarsi di dividere la posta e rimandare il ritorno alla vittoria in campionato.

Atalanta e Spal si ritrovano di fronte in serie A a distanza di mezzo secolo. Gasperini recupera Gomez ma non Ilicic. L’argentino gioca in linea con Petagna e Cristante trequartista; a centrocampo De Roon e Freuler con Hateboer e Spinazzola esterni; Toloi, Caldara e Palomino compongono il trio difensivo con Berisha tra i pali. Nella Spal in campo due freschi ex atalantini: Alberto Grassi e Alberto Paloschi, che avrebbe dovuto diventare l’erede di Denis e invece non è riuscito a inserirsi negli schemi di Gasperini giocando poco e segnando niente. Semplici gli dà fiducia e lo schiera in coppia con Antenucci. Sulla linea di centrocampo Viviani in mezzo affiancato da Schiavon e Mora con Lazzari e Mattiello esterni; in difesa, davanti al portiere Gomis, Salamom, Vicari e Felipe. In panchina l’altro ex, più datato, Borriello.

E proprio l’ex Paloschi si presenta dopo 2’ con un colpo di testa che manda il pallone a sfiorare il palo alla destra di Berisha. Solo un episodio che fa da preludio a una fase di studio interrotta dalla prima conclusione dell’Atalanta al 10’ con pallone piazzato da Hateboer e toccato di testa, ma oltre la traversa, da Gomez inseritosi sulla traiettoria. A seguire un rasoterra diagonale di Petagna che non impensierisce Gomis. Al 14’ Petagna prima buca un lancio in profondità insieme al portiere in uscita, poi la mette dentro di testa su cross di Gomez ma in netta posizione di fuorigioco. Il vantaggio dell’Atalanta matura al 23’ a seguito di azione da corner, con Hateboer pronto a rimettere a centro area il pallone spiovente che Cristante calcia al volo di destro infilando l’angolo basso alla destra di Gomis. Al 28’ è ancora Hateboer a ispirare una conclusione di De Roon con rasoterra dal limite dell’area che Gomis blocca. Una volta andata a segno, la squadra di Gasperini mostra di giocare con più scioltezza, ma non riesce a finalizzare la supremazia e il possesso palla. Al 40’ Vicari è costretto a uscire per problemi muscolari, avvicendato da Costa. Poi la Spal usufruisce di un calcio di punizione dal limite che Viviani manda un pelo oltre la traversa. Al 44’ azione tutta in velocità dell’Atalanta, con Hateboer che triangola cin Cristante e serve l’accorrente Petagna che sfiora il palo, ma commettendo fallo su un avversario. L’occasione ghiotta si presenta al 4’ del secondo tempo proprio a Petagna, smarcato a centro area con un assist al bacio da Gomez, ma l’inzuccata che sembrerebbe a colpo sicuro non centra lo specchio della porta. Al 13’ Petagna si trasforma in assistman cerbando Gomez in mezzo all’area ma il pallone è troppo lungo per l’argentino. Meno di un minuto dopo pericolo per la porta atalantina con Mattiello che calcia di fronte a Berisha, ben piazzato e reattivo per neutralizzare il tiro. Tra due sostituzioni (Rizzo per Mora nelle file ferraresi, Kurtic per Cristante nell’Atalanta), Gomez prova a sorprendere Gomis pizzicando da fermo il pallone che lambisce il palo. Invece la doccia fredda per l’Atalanta arriva proprio dal nuovo entrato Rizzo che batte Berisha con un tiro a giro di apprezzabile esecuzione. Al 24’ altra tegola sull’Atalanta. Il Var condanna l’intervento duro di Freuler su Viviani a centrocampo e l’arbitro, dopo aver visionato le immagini, estrae il cartellino rosso. Alla mezz’ora Gasperini fa esordire Haas, che prende il posto di Petagna, e richiama Spinazzola inserendo Gosens. Semplici rinuncia a Grassi per Schiavon. L’Atalanta, seppure in dieci, preme nella metà campo avversaria. Al 36’ trema ancora Berisha per un tiro a giro scagliato da Viviani che passa a un palmo dall’incrocio dei pali. Allo scadere del 90’ Viviani sfiora il gol, poi Antenucci centra il palo.

ATALANTA-SPAL 1-1

Atalanta (3-4-1-2): Berisha 6 Toloi 6 Caldara 6 Palomino 7 Hateboer 6 De Roon 6 Freuler 5 Spinazzola 5.5 (30’ st Gosens 6) Cristante 7 (17’ st Kurtic 6) Petagna 6 (30’ st Haas 6) Gomez 6 A disposizione: Gollini, Rossi, Masiello, Mancini, Castagne, Orsolini, Vido, Cornelius. Allenatore: Gasperini

Spal (3-5-2): Gomis 6 Salamon 6 Vicari 5.5 (40’ st Costa 6) Felipe 6 Lazzari 6 Grassi 6 (30’ st Schiavon 6) Viviani 7 Mora 6 (16’ st Rizzo 7) Mattiello 6.5 Paloschi 5.5 Antenucci 6 A disposizione: Marchegiani, Seri, Cremonesi, Oikonomou, Konate, Bellemo, Vitale, Borriello, Bonazzoli. Allenatore: Semplici

Arbitro: Chiffi 5. Assistenti: Vuoto-Bottegoni. IV Uomo: Gavillucci. Arbitro Var: Valeri. Assistente Var: Giallatini

Marcatori: pt 23’ Cristante; st 19’ Rizzo

Recupero: 2, 4

Ammoniti: Felipe, Mattiello Al 24’ st espulso Freuler