Peter Fill of Italy skis during the World Cup downhill race in Kvitfjell in Central Norway March 1, 2008. REUTERS/Tor Richardsen/SCANPIX (NORWAY) NORWAY OUT. NO COMMERCIAL USEQuattro anni e 83 gare dopo Peter Fill ritrova il podio in Coppa del mondo arrivando terzo in discesa sulla pista di Beaver Creek che  ospiterà i prossimi Campionati Mondiali. Il 31enne carabiniere, l’ultima volta su podio quando fu secondo in supercombinata a Wengen nel gennaio 2009, ha mostrato la sciata che in carriera gli ha permesso di conquistare altri nove podi in carriera per mettersi definitivamente alle spalle un periodo buio cominciato nell’agosto del 2009, quando la lacerazione del tendine dell’adduttore addominale e una lesione al tendine del retto nel corso di un allenamento in gigante durante il ritiro ad Ushuaia ne misero a repentaglio la carriera.

Il terzo posto Beaver Creek non solo gli assicura un posto per le Olimpiadi di Sochi, ma riconsegna una freccia importante all’arco della squadra allenata da Gianluca Rulfi, capace di salire sul podio di specialità per la settima volta nelle ultime nove gare. E pure in questa occasione piazza altri due atleti nella top-ten, con Werner Heel ottavo e Dominik Paris nono, mentre Christof Innerhofer è finito quattordicesimo, penalizzato da uno sci con una lamina rovinata da un sasso poco dopo la partenza. A punti anche un positivo Silvano Varettoni, ventiduesimo, e Matteo Marsaglia, trentesimo. Fuori dai trenta Mattia Casse, è uscito Siegmar Klotz. Il successo è andato ad Aksel Lund Svindal, che ha preceduto di 17 centesimi l’austriaco Hannes Reichelt, mentre Fill ha concluso con un ritardo di 20 centesimi.

Sulla Men’s Olympic di Lake Louise, seconda discesa e secondo podio stagionale per Elena Fanchini decisamente ritrovata ai vertici della velocità rosa. La 28enne finanziera sigla già la sua miglior stagione di tutti i tempi, visto che due podi in Coppa – e in due gare consecutive – non li aveva fatti mai. L’ultima volta che l’Italia della velocità rosa aveva saputo cogliere due podi consecutivi in discesa era il 2008 quando Nadia Fanchini fu terza a Crans Montana in marzo e poi seconda a Lake Louise in dicembre. Le altre azzurre fanno punti: 19/a è Johanna Schnarf, 24/a Verena Stuffer, 27/a Daniela Merighetti e 28/a Nadia Fanchini. Oltre il trentesimo le altre.
Elena Fanchini è seconda nella classifica di specialità con 120 punti, preceduta dalla sola Lara Gut che di punti ne ha 126 ed è anche leader della generale.