L’Atalanta conquista tre punti fondamentali nella corsa all’Europa, espugnando il Tardini di Parma al termine di una gara bella e spettacolare, in cui spicca il primato di qualità e controllo del gioco della squadra di Gasperini. Al Parma non basta l’arma del contropiede, con cui sigla l’iniziale vantaggio con Gervinho, ribaltato da tre gol di piede su azioni limpide ispirate da Papu Gomez e finalizzate da Pasalic e due volte Zapata, che raggiunge quota 19 tra i marcatori e festeggia nel migliore dei modi la vigilia del suo 28esimo compleanno. Splendida vittoria esterna dell’Atalanta alla ripresa del campionato, davanti a quattromila sostenitori, in una gara decisiva per mantenere la posizione che vale un posto in Europa. Una prova sul campo che lancia un segnale alle “grandi” che incontreranno la squadra bergamasca in veri e propri scontru diretti.

Gasperini deve fare a meno di Toloi e schiera Palomino centrale difensivo affiancato da Mancini e Masiello. Confermati De Roon e Freuler sulla linea di centrocampo, con Hateboer e Castagne esterni. Ilicic non recupera e va in panchina. Al suo posto Pasalic, a sostegno di Gomez e Zapata, con chiara rivisitazione del modulo. Parma senza Inglese, con Gervinho che gioca a destra e Siligardi a sinitra nel tridente d’attacco con Ceravolo centrale.

Trenta secondi e Kucha da 30 metri prova a sorprendere Gollini che interviene prontamente deviando in angolo. L’Atalanta guadagna campo e va alla conclusione al 5’ con Freuler che manda alto sulla traversa. All’8’ il Parma va in vantaggio con l’arma più temuta, Gervinho, che riceve in profondità il pallone perso inopinatamente da Pasalic e, dopo uno scatto di una decina di metri, fulmina con una rasoterra preciso Gollini in uscita. L’Atalanta potrebbe pareggiare già al 10’ con un sinistro di Zapata, servito in area da Freuler, ma Sepe si supera e devia in angolo. Su azione da corner, mischia a un passo dalla linea del gol, con Gagliolo che si oppone con il corpo al tocco di Hateboer, poi la difesa parmense riesce a liberare. Al 14’ determinante in recupero Hateboer, che impedisce a Gervinho di colpire il pallone pennellato da Siligardi. Due minuti dopo sinistro di Gomez da 25 metri, fuori bersaglio. Il numero 10 atalantino ancora protagonista al 18’ con un tiro cross respinto da Sepe. Al 21’ altra invenzione di Freuler, bravo a smarcare in area Pasalic, il quale spreca svirgolando il pallone di sinistro; poi si riscatta al 24’ firmando il pareggio meritato per l’Atalanta. Intelligente assist di Gomez in area per lui, dribbling e rientrare saltando Bastoni e tiro di punta che sorprende Sepe, il quale tocca ma non può impedire che il pallone scivoli in rete. Al 28’ Atalanta a un passo dal vantaggio. Tunnel di Gomez sulla linea dei 16 metri, scambio con Zapata e inserimento di Hateboer che in scivolata si vede respingere il tiro in angolo dal portiere parmense. Su azione da corner, conclusione alta di Castagne. Il Parma torna pericoloso al 35’ su calcio di punizione dal settore sinistro; conclusione forte e tagliata sul palo di Bruno Alves e Gollini si supera togliendo letteralmente il pallone dall’angolo. La risposta al 39’ arriva su cross di Gomez e colpo di testa di Zapata che Sepe blocca. Su capovolgimento di fronte, azione in contropiede degli emiliani con verticalizzazione di Gervinho per Ceravolo e Gollini compie una parata strepitosa. Al 43’ tentativo di testa di Pasalic, palla comoda tra le mani di Sepe che rilancia lungo per lo scatto di Gervinho che arriva sulla linea di fondo e calcia verso Gollini che copre e para. Il primo tempo si chiude con il 70% di possesso palla a favore dell’Atalanta.

Al rientro in campo D’Aversa avvicenda Iacoponi, alle prese con problemi fisici, con Sierralta, che al 3’ viene saltato da Zapata, il cui assist dalla linea di fondo mette Gomez nelle condizioni di calciare un penalty in movimento: botta terrificante dell’argentino che scheggia la traversa e occasione mancata per passare in vantaggio. Al 9’ Ilicic subentra a Pasalic e Gasperini restituisce alla squadra la sua fisionomia tipo. Castagne diventa il primo ammonito del match. Al 14’ Sepe resta immobile quando Gomez calcia all’improvviso lambendo la traversa. Al 17’ Gasperini sorprende tutti richiamando Masiello e inserendo Reca. L’Atalanta resta con la difesa a tre, con Hateboer che si abbassa per stare in linea con Palomino e Mancini, e Castagne esterno alto a destra e Reca a sinistra. La contromossa di D’Aversa al 20’ vede uscire Gervinho, risentimento muscolare, sostituito da Gazzola, e il Parma si blinda. Al 32’ su azione di Reca, pallone d’oro per lo smarcato Castagne che in diagonale non inquadra lo specchio della porta. Il belga si riscatta alla mezz’ora servendo al centro dell’area piccola il pallone che Zapata insacca di destro per il vantaggio, meritato, dell’Atalanta. La squadra di Gasperini controlla il gioco, anche se, dopo l’ingresso nel finale di Djimsiti per l’ottimo Mancini, Gollini rischia nel controllo di palla con i piedi facendo correre un brivido ai compagni. Al 47’ Freuler serve Gomez che a centro area, a porta vuota, perde l’occasione per chiudere il match facendo sbattere il pallone su un avversario. L’argentino si fa perdonare un minuto dopo confezionando l’assist per la doppietta di Zapata. Le jeux sont faits.

PARMA- ATALANTA 1-3

Parma (4-3-3): Sepe 6 Iacoponi 5.5 (1’ st Sierralta 5.5) Bruno Alves 6.5 Bastoni 5.5 Gagliolo 6 Rigoni 5.5 Scozzarella 5 Kucka 6.5 Siligardi 5.5 Ceravolo 5 (34’ st Schiappacasse sv) Gervinho 7 (20’ st Gazzola 6). A disposizione: Frattali, Brazao, Di Marco, Gobbi, Diakhate, Dezi, Barillà, Sprocati, Pepin. Allenatore: D’Aversa

Atalanta (3-4-1-2): Gollini 7.5 Mancini 7 (42’ st Djimsiti sv) Palomino 6.5 Masiello 6 (17’ st Reca 6.5) Hateboer 6.5 De Roon 7 Freuler 7.5 Castagne 6.5 Pasalic 6.5 (9’ st Ilicic 6.5) Gomez 8 Zapata 7.5 A disposizione: Berisha, Rossi, Ibanez, Gosens, Pessina, Kulusevski, Piccoli. Allenatore: Gasperini

Arbitro: Chiffi 6. Assistenti: Valeriani e Villa. IV: Di Paolo. Var: Manganiello

Marcatori: pt 8’ Gervinho, 24’ Pasalic; st 30’ e 45+4 Zapata

Recupero: 1, 5

Ammoniti: Castagne, Scozzarella